SITOX
Società Italiana di Tossicologia
Via Giovanni Pascoli, 3
20129, Milano
C.F. 96330980580
P.I. 06792491000
T. 02-29520311
segreteria@sitox.org
iso-9001
contattaci

Blog

Il Blog della Società Italiana di Tossicologia (SITOX) è dedicato sia ai Soci della Società che ai cittadini tutti, indipendentemente dal grado di competenza nelle materie tecnico-scientifiche. In questo blog si ritroveranno informazioni aggiornate, indipendenti e certificate relative a stili di vita, alimentazione, ambiente, ed impatto sulla salute della popolazione delle sostanze a cui è esposta.

Tutti i contenuti pubblicati sono frutto della collaborazione dei membri del gruppo Comunicazione della SITOX con Esperti selezionati in base alla tematica da affrontare.

29 aprile 2021 - Farmaci
p-i-strong-farmaci

Farmaci: facile incorrere in quelli contraffatti

I farmaci, chiamati anche medicinali (termine impiegato nelle direttive comunitarie che disciplinano questo settore) sono noti a tutti come dei preparati in grado di curare o prevenire le malattie. Secondo la definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per farmaco si intende «una sostanza o un prodotto utilizzato per modificare o esaminare funzioni fisiologiche o stati patologici a beneficio del paziente».

I medicinali sono costituiti da principi attivi, naturali o sintetici, e da vari eccipienti. Il principio attivo corrisponde a una sostanza o a una miscela di componenti, come nel caso di preparazioni botaniche, che ha proprietà farmacologiche, ovvero il componente del medicinale che, tramite un meccanismo chimico o fisico, agirà biologicamente sull’organismo espletando una funzione curativa. Gli eccipienti sono invece componenti privi di ogni azione farmacologica e hanno la funzione di stabilizzare e conservare le forme farmaceutiche e il principio attivo. Inoltre, la loro presenza è necessaria per facilitarne l’assunzione e per rendere possibile l’assorbimento del principio attivo nell’organismo.

 

Cosa sono i farmaci contraffatti?

Le autorità regolatorie che autorizzano l’immissione di un farmaco nella terapia ufficiale sono rappresentate in Italia dall’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco), in Europa dall’EMA (Agenzia Europea del Farmaco) e negli Stati Uniti dalla FDA (Food and Drug Administration). L’autorizzazione viene rilasciata a seguito di una valutazione scientifica dei requisiti di qualità, sicurezza ed efficacia del medicinale.

Esistono però dei farmaci, quelli contraffatti, che sfuggono a questi controlli e che non sono mai stati autorizzati. I farmaci contraffatti sono prodotti la cui etichetta riporta informazioni ingannevoli sul contenuto e sull’origine del farmaco. Può trattarsi di medicinali senza ingredienti attivi, con ingredienti attivi differenti o presenti in quantità diversa da quella dichiarata o, ancora, con un principio attivo corretto contenuto in una confezione falsa.

La contraffazione farmaceutica è diffusa in tutto il mondo. Nei Paesi in via di sviluppo, il traffico di farmaci falsi riguarda soprattutto vaccini e i farmaci salvavita, mentre nei Paesi industrializzati la contraffazione si orienta più verso prodotti per l’aumento o mantenimento della qualità di vita, come farmaci per la disfunzione erettile, anabolizzanti per aumentare la massa muscolare e pillole dimagranti. Non manca però anche richiesta di antibiotici e antitumorali.

 

Farmaci contraffatti e web

La contraffazione farmaceutica è prevalentemente legata all’e-commerce, e i motivi che spingono ad acquistare online possono essere diversi. Spesso si acquistano farmaci per problemi per i quali il paziente, per ragioni di pudore, non ne parla al medico e/o al farmacista e quindi comprando online evita l’imbarazzo. Oppure, si acquista online perché si ha la consapevolezza che quel determinato farmaco è illegale, come quelli utilizzati per il doping.

Inoltre, il loro prezzo spesso è inferiore, ma è un risparmio pericoloso e illusorio, perché neanche l’offerta più vantaggiosa può giustificare i rischi legati all’acquisto di farmaci contraffatti. È proprio questo il rischio che si corre, quello di acquistare un farmaco contraffatto dove magari il principio attivo è inferiore a quello normalmente previsto per quel farmaco, mancare del tutto, portando al fallimento della terapia o addirittura essere sostituito da sostanze a rischio per la salute degli individui. Ad esempio, in medicinali contraffatti spesso si trovano sostanze nocive come - un esempio su tutti - il glicole etilenico, un comune antigelo utilizzato al posto della più costosa glicerina nello sciroppo per la tosse. Nel caso poi di dosaggi errati in quantità esagerate, si possono verificare effetti tossici per l’organismo.

Va ricordato che in Italia, l’acquisto online dei farmaci da banco (quelli che non richiedono la prescrizione medica) è legale, tutti gli altri sono vietati. L’acquisto può essere effettuato solo sui siti di farmacie autorizzati dal Ministero della Salute che, ovviamente, vendono farmaci nel rispetto della normativa vigente.

Rivolgersi al proprio medico o al proprio farmacista è il modo più sicuro per affrontare correttamente i propri disturbi e, se necessario, per avere la prescrizione di un farmaco il quale è tracciabile, garantendo così la sicurezza e la qualità.

 

https://www.aifa.gov.it/documents/20142/0/Farmaci_Contraffatti

 

Invia un messaggio a SITOX
Riceveremo il tuo messaggio e la segreteria ti ricontatterà il prima possibile.


SITOX | Società Italiana di Tossicologia
Via Giovanni Pascoli, 3 - 20129 Milano | Tel: 02-29520311 | Email: segreteria@sitox.org